sabato 6 gennaio 2018

29. Recensione: “Storie Fantastiche di gente comune” di Stefano Valente


Cover storie fantastihe


Titolo: Storie Fantastiche di  gente comune

Autore: Stefano Valente

Editore: youcanprint

Genere Narrativa moderna e contemporanea

Formato: EPUB e Cartaceo

Dimensioni: 1,83 MB

Pagine cartaceo: 148 p.

Link acquisto: ibs La Feltrinelli Amazon



Buona sera Cari Colleghi lettori,

Ultimo libro letto del 2017 è "Storie Fantastiche di gente comune" di Stefano Valente (@garat90 su Ig). Ricevuto in occasione di un giveaway, ho avuto la possibilità di leggere questa raccolta di storie.

TRAMA

Un eroe non è un impavido guerriero, un martire, o un conquistatore di consensi popolari; un eroe è semplicemente una persona. Un eroe è il prescelto di se stesso, colui che compie una scelta per un bene a lui caro. Naturalmente, una scelta audace. Io, la Voce Narrante, canterò le gesta di tre eroi che hanno compiuto la loro scelta. Paolo, un militare devoto all'uniforme e fedele alla Patria, che ha rinunciato al suo status di militare per inseguire il suo bene. Il secondo eroe è Chiara, un'affascinante ragazza dall'intelligenza fuori dal comune che, attraverso la ragione, vi condurrà in un viaggio fantastico tra nozioni scientifiche e colpi di scena. Infine c'è Matteo, un brillante avvocato che dovrà rimediare ad un imperdonabile errore. Casi irrisolti, verità nascoste e false speranze comporranno la strada che Matteo dovrà percorrere fino all'attuazione della giustizia.

RECENSIONE

“Storie Fantastiche di gente comune” è una raccolta di tre storie autoconclusive, diverse tra loro, ma con un tema unico: la difesa dei propri ideali.

A fare da cornice, c è la "Voce Narrante" che in tono teatrale si rivolge al lettore presentando i protagonisti di ciascuna storia: Paolo, Chiara e Matteo.

L''obiettivo della Voce Narrante è quello di far emozionare il lettore con la storia di questi tre personaggi che hanno in comune quello di trovarsi in situazioni difficili e avere il coraggio di affrontarli.
A mio parere, la missione dell'autore è raggiunta, ciascuna storia a suo modo fa emozionare, ma gli eroi presi in considerazione non sono gente comune, la gente comune non ha un Q.I. elevato; il massimo punteggio a primo colpo in ogni concorso; una padronanza del linguaggio alla Sheldon Cooper… la definirei gente "straordinaria", ma non "comune", almeno io non mi sono sentita rappresentata se non in personaggi secondari come l'insegnante o il netturbino. Solo una storia delle tre mi ha davvero presa, travolta, mi ha fatto riflettere "e se fosse capitato a me, cosa avrei fatto"?.
Non vi svelo quale perché non voglio influenzare nessuno; perché le storie devono essere lette tutte e tre; perché si avverte il grande impegno da parte dell'autore e la sua critica sociale; perché parla della mia città, Taranto, e mi ha fatto emozionare tantissimo.

Il modo di scrivere di Stefano è preciso, chiaro e attraente, un pochino forzato nelle parti con le spiegazioni tecniche, ma capisco che sono funzionali per la comprensione della storia.

Lettura consigliata a un pubblico leggermete più maturo.


Buona lettura!

Baci, K.

Nessun commento:

Posta un commento

Esprimi liberamente il tuo pensiero, non c è nessuna moderazione nè il verifica parole. Può solo farmi piacere sapere cosa pensi ^__^. Se non vuoi perdere la mia risposta al tuo commento, clicca su "inviami notifiche" in basso a destra del box commenti, riceverai le notifiche per email.

Non perdetevi...

Giveaway 2017