giovedì 22 maggio 2014

Book#8: Cinquanta sfumature di Grigio di E.L.James

 

Ciao ragazze,

era da tanto che non recensivo una delle mie letture, ma tranquille che in questo periodo ho letto ben 4 libri e non vedo l’ora di parlarvene. Oggi inizio con il famosissimo e discusso 50 sfumature di grigio. Ecco il mio pensiero. Via.

SCHEDA TECNICA

TRAMA

Anastasia Steele, giovane studentessa americana, incontra Christian Grey, giovane imprenditore miliardario, che farà di tutto per conquistarla. Anastasia dovrà fare i conti con i suoi sentimenti per lui e gli oscuri segreti del giovane che si celano dietro i suoi meraviglioso occhi grigi. Sarà disposta per amore ad accettare i suoi compromessi?

AUTORE

E. L. James, pseudonimo di Erika Leonard (Londra, 1963), è una scrittrice britannica. È l'autrice del romanzo erotico best-seller Cinquanta sfumature di grigio e degli altri due libri che compongono la trilogia "Cinquanta sfumature di". Cresciuta nel Buckinghamshire, educata privatamente, Erika Leonard si diploma presso l'University of Kent, prima di diventare assistente di un direttore di studio presso la National Film and Television School di Beaconsfield. Vive a ovest di Londra con il marito, lo sceneggiatore Niall Leonard, e i due figli. (Wikipedia)

RECENSIONE: il pensiero di Kicca (*attenzione spoiler*)

Come al solito, non capisco come certi romanzi hanno così tanto successo, sarò controcorrente? o davvero non riesco a percepire “la grandiosità” di certe opere? intanto, non avete idea di quanto sia contenta di aver terminato di leggere questo lungo e interminabile romanzo. Che noia!!!! Ma andiamo con ordine, non voglio essere così distruttiva. Partiamo dai pregi di questo romanzo. Sicuramente è scritto molto bene, la scrittrice è molto brava ad esprimersi e raccontare le diverse vicende, come è anche brava a descrivere ciascun personaggio, nella mia mente riuscivo a immaginare bene ciascun protagonista. Le scene erotiche, anche se poche, anche se forti, non sono volgari, utilizza parole velate che sta alla malizia e alla fantasia della lettrice svelare il loro vero significato erotico. E questo devo dire che mi è piaciuto. Odio la volgarità gratuita e la scrittrice è stata una signora. (Quindi se cercate un romanzo porno spinto, vi siete sbagliati; “Cento colpi di spazzole” gli fa un baffo).

Qui finiscono i pregi secondo me. Ciò che non mi è piaciuto è proprio tutta la storia, ben lontana dalla realtà e direi anche dalla fantascienza. Sembra racchiudere le fantasie emozionali ed erotiche (poche) e tutti i difetti caratteriali della donna che desidera un uomo bello, ricco e colto e che la fa sentire protetta e desiderata. Così è Christian, il protagonista, bello, miliardario e che per una strana ragione (fantasia femminile) è rapito e innamorato (???) di una comune mortale, Anastasia (una di noi), una semplice studentessa dell’ultimo anno di Università e in cerca di lavoro. Punto. Ovviamente a noi donne, l’uomo non piace solo bello, bellissimo, ricco e perso follemente per noi, ci piace anche misterioso. Quindi ha nei suoi bellissimi occhi grigi, un velo di tristezza e un passato di sofferenze, utilissimo per scatenare in noi l’indole della crocerossina. Perfetto. Ma non basta! Ci piace anche bastardo: Christian ha la fissa per il sadomaso, gli piace picchiare le donne, che per altro devono essere consenzienti con tanto di contratto ricco di regole per la “sottomessa” ben firmato. Ad Anastasia, ovviamente, come ogni donna curiosa, coraggiosa, testarda e “stupida” (alla fine quando ci innamoriamo siamo un pò tutte stupide….la razionalità ci abbandona subito) non le basta sapere che Christian è un tipo particolare, che si vede ancora con la sua ex (padrona), che ha una stanza delle torture e che chiede il consenso tramite il famoso contratto ricco di regole come: “devi ubbidire al tuo padrone” “devi mangiare e riposare a sufficienza” “ non devi trasgredire alle regole” e così via, vuole andare fino in fondo la storia e provare sulla sua pelle cosa significa essere sottomessa. Questo alla fine non sarebbe un problema, alla fine, tutte noi abbiamo dei gusti personali diversi e facciamo delle scelte discutibili, ma che in quel momento ci sentiamo di farle. Siamo libere. Però, che cavolo, dopo essere stata legata, imbavagliata, schiaffeggiata, sospesa per aria, eccitandosi, lei si scandalizza per un pò (6 in totale)  di cinghiate sul sedere O__O. Piange, si dispera e vuole far finire la storia. Ma questa è scema forte!!!  Viva l’incoerenza. Non finisce qui. Lui chiede scusa, lei si intenerisce e chiede “scusa” “voglio stare con te” “io sono innamorata di te”. Lui si inorridisce. Stop. Ognuno per la propria strada. Finale semplice e un po' deludente. Mi ha dato l’impressione che l’autrice non sapesse come far finire la storia o andasse di fretta.

Insomma, spero di non aver offeso le appassionate di questa trilogia, ma credetemi, secondo me era partito davvero bene, ma non ha saputo gestire l’intera trama e i personaggi: che fine ha fatto José Rodriguez, il migliore amico di Ana? Non doveva lei andare alla sua mostra? e l’amica Katherine Kavanagh? l’idea che si era fidanzata con Elliot, il fratello di Christian, mi stava incuriosendo! Che fine hanno fatto tutti? La storia iniziava così tanto bene con loro, poi sono usciti di scena in un colpo solo e sono rimasti Ana e Christian e questo, secondo me, ha fatto perdere molto la qualità del romanzo.

Voglio terminare nel dire, che questa prima parte non mi è piaciuta. Il giudizio di Kicca è:

L’ho trovato interessante all’inizio, adolescenziale nel corso della trama (odiavo le botta e risposta tra Ana e Christian tramite email, nemmeno i bimbiminchia si punzecchiano così) e noioso e scontato alla fine. Ma voglio dargli un’altra possibilità leggendo il secondo libro, magari la storia si evolve, i personaggi interessanti ritornano e io rivaluterò questa saga. Voi che pensate? Sono stata troppo cattiva nel mio giudizio?

Baci. K.

6 commenti:

  1. eh..eh...mi è piaiciuta un sacco la tua recensione...io non ho letto questa trilogia..ho sentito così tnati pareri contrari..ma ammetto che un pò di curiosità c'è l'ho..magari primo o poi lo leggerò per capire come mai ha avuto tutto questo successo..>_<...^_*Bacioni...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io posso solo dire che devi provarlo. Magari a te piacerà. E se capirai il senso del suo successo, per favore fammelo notare ^___^ baci

      Elimina
  2. Xche'? ha scritto qualcosa che ci trasporta in una dimensione diversa dove l'uomo ama soffre dove una favola si realizza, dove ogni donna nel bene e nel male vorrebbe essere. Si legge x sognare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. penso che i sogni sono soggettivi :) sono sicura che i miei sogni sono diversi di quelli di un'altra ragazza. Condivido il tuo pensiero: leggere fa sognare, ma questo libro non è riuscito con me. ^___^

      Elimina
  3. Sono d'accordo con la tua recensione e sono curiosa di conoscere il tuo parere sui prossimi libri se continuerai a leggerli....io ho finito tutta la trilogia solo per curiosità, ma non mi è piaciuta granchè.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahia, quindi mi aspettano letture noiose come sospettavo. Comunque li leggerò, odio quella sensazione di non completo :) magari mi piaceranno.....spero. Vediamo un po'.

      Elimina

Esprimi liberamente il tuo pensiero, non c è nessuna moderazione nè il verifica parole. Può solo farmi piacere sapere cosa pensi ^__^. Se non vuoi perdere la mia risposta al tuo commento, clicca su "inviami notifiche" in basso a destra del box commenti, riceverai le notifiche per email.

Non perdetevi...

Giveaway 2017